Foto di Selected Property Blog
Commenti

Venezia e le sue sorelle

Quante sono le "piccole venezie" sparse per l'Europa? Tantissime. Cos'hanno in comune con l'originale? Pochissimo.

 

Come la Settimana Enigmistica, Venezia vanta infiniti tentativi di imitazione. La sua unicità è di essere costruita su centodiciotto isole, unite tra loro da ponti e saldate al suolo grazie a innumerevoli palificazioni di legno. A questo poi si è aggiunta una storia millenaria fatta di potere, ricchezza, indipendenza, arte, savoir vivre e quella luce abbacinante che pare esserci solo sul Canal Grande in certi pomeriggi.

Prima che arrivassero le pacchianate di Las Vegas o di Macao, dove hanno ricreato porzioni di Venezia fluo edition, gli invidiosi della città fatta di ponti e canali si sono spesso dovuti accontentare di quello che la natura offriva loro. Sulla base di questo, un patto non scritto pare aver sancito una regola aurea: se una città ha un paio di ponti non troppo grandi, un centro abbastanza raccolto, qualche canale e una manciata di barchette, è fatta: essa può chiamarsi una Piccola Venezia. Non importa a quale latitudine si trovi; se l’acqua è quella dolce di un fiume o di una baia marina; se la storia di quella cittadina sia del tutto trascurabile, ho detto che quella lì è una Piccola Venezia!

chioggia nuovo crop

Chioggia.

C’è poco da guardar storto gli stranieri, comunque. In Italia vige la stessa regola. A Bologna la famosissima finestrella di via della Piella è soprannominata la Piccola Venezia, come il comune marittimo del ferrarese di Comacchio e persino Loreo, paesino perduto nel rodigino, e Muggia, cittadina giuliana che faceva parte della zona d’influenza della repubblica marinara.

Se vi sembra uno sfogo troppo accorato, forse avete ragione. Sì, perché nell’intero globo terraqueo, se di Venezia ce n’è una sola, di Piccola Venezia altrettanto, ed è una città che conosco bene: Chioggia. A poche miglia nautiche dalla Venezia vera, Chioggia condivide lo stesso ecosistema e la stessa conformazione architettonica della Serenissima. Ovviamente questa similitudine non ha aiutato i rapporti tra le due città: da una parte la città ironizza sull’insignificanza del paese vicino; dall’altra, gli altri si affannano a vantare un’unicità ben maggiore, che non può di certo essere riassunta in un diminutivo del genere, “Piccola Venezia”. “Quello sulla colonna di una delle piazze principali è un leone marciano, non un gatto come dite voi, gran signori da strapazzo” dicono a Chioggia, che vuole essere Chioggia, non un’altra Venezia.

gatto di chioggia crop

Il gatto di Chioggia.

Anche influenzata da questa eterna diatriba, che a dirla tutta mi appassiona poco, sono sempre stata affascinata da questa eterna ricerca di venezie ad ogni latitudine, come degli innamorati che vedono il volto della propria amata disegnato nelle nuvole, tra la folla, sulla corteccia di un albero. È stato il caso se durante alcuni viaggi mi sono imbattuta in un sacco di piccole venezie, che mi ha fatto pensare a quanto sarebbe bello fare il giro del mondo a caccia di questi doppioni fino a decretare la Piccola Venezia più simile all’originale. Port-Grimaud, vicino a Saint Tropez, nel bel mezzo della Costa Azzurra, è un paesino molto pittoresco come lo sono tanti paesini da quelle parti. Ma la storia di Port-Grimaud è relativamente recente: è stata costruita nel 1964 bonificando una zona paludosa su progetto dell’architetto Francois Spoerry, completamente finanziato da privati. Ancora oggi è una sorta di villaggio privato dove non possono entrare le auto (come a Venezia!) e molte vie sono chiuse da cancelli.

Ma la Francia, non paga, ha altre piccole venezie. Una di queste, Martigues, si trova vicino Marsiglia, sorge vicino a una raffineria (come Porto Marghera!) e si affaccia su una – seppur piccola e priva di ogni fascino – insenatura marina. La quantità di calli e piccoli ponti ovviamente è quasi nulla, ma ci sono e con loro anche qualche imbarcazione privata fuori dalle case. Ecco, se non una Piccola Venezia, potrebbe assomigliare di più a una piccola Comacchio.

martigues 4 crop

Martigues, Francia.

Secondo i francesi anche Colmar e Annecy sono considerabili piccole venezie. Peccato che Colmar sia la città più secca di Francia e chiunque abbia visto lo spot del Tasciugo DeLonghi sa che Venezia non è una città secca, anche solo per il fatto di essere un’insieme di isole.

In Spagna invece le piccole venezie sono due. Una è in Gran Canaria: Puerto Mogan, dove c’è un canale con un paio di ponticelli – uno dei quali somiglia, volendo proprio esagerare, al Ponte dei Sospiri. L’altra è Empuriabrava, la cosiddetta Venezia catalana, un porto turistico dove possono ormeggiare 5mila imbarcazioni e ci sono 35 km di canali. Dalle immagini il fascino non sembra proporzionale a questi numeri.

Se prendete una Lonely Planet del Portogallo, a un certo punto incapperete in Aveiro, l’inevitabile Venezia portoghese. La scorsa estate ero da quelle parti e, nonostante il tempo risicato, l’idea di spuntare un’altra Piccola Venezia dalla lista mi ha fatto deviare verso la costa. Arrivarci fa molto ridere se pensi, come pensavo io, che la tua destinazione è una specie di Venezia che dalle foto non sembra così male. La strada infatti è una provinciale perduta tra i campi, con qualche casupola, una fabbrica di azulejos e molti orti disordinati. Ben presto mi sono dovuta arrendere al fatto che Aveiro è una città abbastanza triste con un canale centrale dove vengono organizzati giri turistici in barche velatamente simili a gondole (sono nere e con la prua aggettante, ma molto più grandi). A rendere tutto ancora più sconsolato ci pensa infine il centro commerciale situato nella piazza principale. Fortuna loro che a qualche chilometro c’è la marina di Aveiro che dà sull’Oceano e che batte la spiaggia di Alberoni a mani basse.

aveiro 1 crop

Aveiro, Portogallo.

La mania di trovare venezie in ogni specchio d’acqua colpisce anche i più insospettabili cosmopoliti. Persino a Londra c’è la famosa Little Venice, frutto della confluenza dei due canali Regent e Grand Union. Qui la sensazione è un po’ di spaesamento più per il fatto di essere in un’enorme metropoli e trovare questo posto tranquillo e un po’ strano, ma nulla ti fa esclamare stupito “ehi ma quella sembra Ca’ d’Oro!”. Nel Regno Unito c’è anche Bourton-on-the-water, un villaggio nel Gloucestershire attraversato dal fiume Windrush che crea diversi canali e su cui sono stati costruiti numerosi piccoli ponti. Anche stavolta Venezia è innocente, piuttosto Bourton è una delle sorelle “nordiche” delle cittadine che si ostinano a definirsi piccole venezie senza averne l’aria e che si trovano anche in Olanda – Giethoorn e Valendam – e in Germania, come Bamberg e Lindau. Per quest’ultima serve però una menzione speciale, dato che sorge su un’isola nella parte settentrionale del Lago di Costanza ed è collegata alla terraferma attraverso un ponte stradale e ferroviario (come il Ponte della Libertà). In più, su una delle due bocche del suo porto sorge una grande statua di un leone, questo però è uno dei simboli della Baviera. Infine, non dimentichiamoci di Vylkove, in Ucraina. Qui è bastata la presenza di un paio di canali, dovuti alla sua posizione, il delta del Danubio, per definirsi Piccola Venezia. L’amara realtà è che Vylkove è un villaggio palustre e, da quanto si può evincere dalle immagini, particolarmente disperato. Se dovessimo decretare la Piccola Venezia meno simile all’originale, con tutto rispetto per il popolo ucraino, vincerebbe di sicuro lei.

Cosa spinge tutte queste città a definirsi piccole venezie? Mi piace pensare che sia per l’amore dell’originale. Un gesto d’affetto autoconsolatorio che allo stesso tempo attribuisce all’originale un livello assoluto e inarrivabile di bellezza. Dopotutto la nostra autostima aumenterebbe di certo se da oggi in poi ci sentissimo legittimati a ergerci a sosia di qualcuno che ammiriamo particolarmente solo per qualche vaga cosa in comune. Non servirebbe molto, basterà soltanto avere, che so, i capelli castani e gli occhi azzurri come Angelina Jolie, la passione per la pittura e una maglia a righe come Picasso, oppure ogni tanto scrivere anche solo la lista della spesa e questo farà di noi dei piccoli Jonathan Franzen. Forse staremmo tutti meglio.

 

Foto di Teresa Bellemo.