Il cantiere della Trilogia Navile visto dallo studentato Fioravanti.
Commenti

Le mani sulla Bolognina

Da Bologna, un racconto per immagini dell’ex quartiere operaio ora al centro di polemiche, allarmismi e speculazioni.

 

A Nord del centro storico di Bologna e giusto alle spalle della Stazione Centrale, sta la Bolognina: un quartiere storicamente popolare che prende forma poco prima del 1900 e che presto si caratterizza per la presenza di fabbriche e industrie. Qui si insediarono i tanti operai e operaie che emigrano dal Sud Italia, e sempre qui – dalla Resistenza alle battaglie per il lavoro – si svilupparono storiche relazioni e reti di solidarietà. Oggi la Bolognina è molto cambiata: il vecchio quartiere operaio a ridosso della stazione viene pattugliato dall’esercito per “prevenire e contrastare i reati” e, tra interventi urbanistici, polemiche sul degrado, speculazioni e sgomberi, tutta Bologna sembra aver posato lo sguardo su questo pezzo di città.

Foto 01

Mercato di via Albani.

Foto 02

Case in via Serra.

Con la chiusura di gran parte delle fabbriche e la conseguente trasformazione del territorio, la Bolognina è diventata negli ultimi anni sempre più meticcia e multiculturale, in particolare grazie alla crescente presenza di migranti provenienti da Africa, Asia e America Latina. Al tempo stesso, sul quartiere si stanno concentrando interessi sempre maggiori, diversi come diversa è la realtà odierna. E al di là della “svolta della Bolognina” che nel 1989 lo rese celebre, la politica sembra non essere più in grado di capire il quartiere.

Foto 03

Iniziativa antirazzista, via Fioravanti.

Foto 04

Combattere la disoccupazione.

“Degrado” è una parola che rimbalza quotidianamente a Bologna, e alla Bolognina in particolare: battaglie contro i graffiti, polemiche sul “decoro urbano”, stravaganti ordinanze con coprifuochi degni di una città in piena guerra civile…Se le accuse ricorrenti si concentrano sui “giovani”, sugli “immigrati” e sui “centri sociali”, in pochi sembrano prestare attenzione alle altre problematiche del quartiere: molte case popolari cadono a pezzi e i cortili sono spesso i depositi di cantieri di ristrutturazioni infinite, gli spazi lasciati vuoti vengono prontamente edificati, e le uniche aree verdi rimaste sono quelle dei vasi sui balconi. La restrizione sugli orari di molte attività commerciali ha finito per svuotare le strade della Bolognina, lasciando in eredità un territorio asettico e insicuro.

Foto 05

Via Sirani (opera di Deco).

La Bolognina è stata anche protagonista di un’ondata di progetti di “riqualificazione” concentrati nell’area che ospitava l’ex-mercato ortofrutticolo. Proprio dietro lo storico centro sociale XM24, l’enorme cantiere della Trilogia Navile zoppica oramai da anni, con le sue imponenti costruzioni che contrastano col tipico skyline delle palazzine dai tetti rossi. Per raggiungere il vicino studentato, i circa 250 studenti che ci vivono devono attraversare una landa desolata tra reti arancioni e cantieri aperti.

Foto 07

Ancora cantieri.

Foto 08

Mercato contadino all’ XM24.

Le luci del mercato contadino di CampiAperti (nodo bolognese di Genuino Clandestino) illuminano una nevicata mentre sullo sfondo incombono le gru. Parte dell’XM 24 doveva essere abbattuto per far posto al cantiere, ma la mobilitazione di attivisti e abitanti ha fatto sì che il Comune facesse retromarcia; fino a pochi giorni fa, un murales di Blu sovrastava una rotonda costruita abbattendo alcuni grandi alberi, e intitolata paradossalmente al militante ambientalista Alexander Langer.

Foto 09

Nemo’s per Cheap, Street Poster Art Festival.

Foto 10

Il cortile dell’ex Telecom.

Questo cortile innevato era uno degli spazi comuni per le 300 persone che vivevano nell’occupazione abitativa dello stabile che prima ospitava la sede della Telecom a Bologna. Lo stabile, posto esattamente di fronte agli uffici del nuovo Comune, era vuoto da diversi anni e lo scopo dell’occupazione era quello di dare un tetto a famiglie, bambini, singoli e anziani. Da quel giorno, dentro quelle mura e dietro quelle finestre è nata una comunità che ha saputo aprire le porte delle proprie case non solo a tutta la Bolognina ma all’intera città, rappresentando un’esperienza tra le più importanti degli ultimi anni sia per il quartiere che per Bologna. Il triste epilogo è noto a tutti: il 20 ottobre scorso lo stabile è stato sgomberato, ultimo di una serie di episodi che hanno portato il quotidiano inglese The Guardian a chiedersi se Bologna non stia definitivamente dicendo addio alla sua identità più aperta, inclusiva e solidale.

20-10-2015 Bologna, via Fioravanti 27. Sgombero dell'occupazione abitativa dell'Ex Telecom. Foto Michele Lapini/Eikon

Lo sgombero dell’ex Telecom.

Foto 12

Portici in via Matteotti.

Le polemiche sul degrado e le narrazioni che la dipingono come “il Bronx di Bologna”, hanno fatto sì che, negli ultimi mesi, l’attenzione mediatica nei confronti della Bolognina sia cresciuta in maniera esponenziale. Gli ultimi avvenimenti di cronaca, con le numerose “spaccate” (vetrine infrante) a esercizi commerciali, hanno evocato un immaginario da banlieue che ha particolarmente fatto presa su chi il quartiere non lo vive né lo conosce. L’avvicinarsi delle elezioni amministrative ha sicuramente reso il tutto ancora più spettacolare, con conseguente viavai di politici, comizi, presidi, proclami e promesse degne di un mercato rionale del sabato mattina. Un’evidente bipolarità tra la realtà e la narrazione di un quartiere che, suo malgrado, si è ritrovato protagonista della contesa per la “presa della città” della prossima primavera.

 

Fotografie dell’autore.