Castello Estense/Nicola Bisi/WikiCommons
Commenti

Ferrara, città-romanzo

Avvolta in quel dedalo di strade, personaggi e intrecci, quieta, elegante e schiva, la città estense è il vero romanzo di Giorgio Bassani.

 

Il giardino dei Finzi-Contini non è mai esistito a Ferrara, me lo sono inventato. L’ho collocato a Ferrara perché mi serviva da un punto di vista poetico, avevo bisogno di un fatto di questo genere, e non è mai esistito, né sono mai esistiti i Finzi-Contini come famiglia, né tanto meno Micòl Finzi-Contini. Me lo chiedono in molti: ma è esistita veramente Micòl? Non è mai esistita. Però, naturalmente, Micòl è esistita in quanto che sono esistito io, esisto io, è una forma del mio sentimento, è una parte di me”.

Le città di provincia possiedono un’aura d’imperturbabilità che le rende impermeabili al passare dei decenni, delle mode e degli stili. Ignorate dai grandi fenomeni demografici, resistono passivamente alla modernità grazie all’identità storica. Il Centro-Nord italiano è disseminato di queste eredità di grandi casati che continuano a essere delle culle del bel vivere, e Ferrara ne è un perfetto esempio.

Le mura della città, sebbene non intonse come quelle di Lucca, ne racchiudono per tre quarti gli antichi confini e sono fonte di numerose passeggiate della cittadinanza, avvinte dalla vegetazione che quasi le ingloba, segnate da stretti e ricurvi percorsi sterrati. Non è raro imbattersi  in una o più biciclette appoggiate attorno ai bastioni, in una momentanea pausa, che ci ricordano la gita fuori programma del protagonista (e voce narrante) de Il giardino dei Finzi-Contini, l’opera più famosa di Giorgio Bassani, cantore-principe della città di Ferrara. Lo scittore pedalava in sella alla sua Wolsit, e traversava l’intero versante nordico del centro storico, cercando di sfuggire il confronto paterno dopo aver saputo di essere stato rimandato in matematica. Non è complesso ricostruire il percorso del giovane descritto nel romanzo. L’autore cita esplicitamente il Corso Ercole I D’Este, una strada lunga e diritta che conduce dalle mura al Castello Estense e che rappresenta il cuore della zona rinascimentale, un’estensione del borgo medievale voluta proprio dal duca, tanto da essere denominata “addizione erculea”.

Il corso, che inizialmente si chiamava Viale Degli Angeli, non è cambiato molto rispetto ai tempi narrati da Bassani: giusto le opportune ristrutturazioni e il rifacimento del manto stradale, acciottolato e leggermente infossato verso il mezzo, ideale per le passeggiate a piedi o in bici – non a caso la strada è per alcuni tratti vietata alle automobili. Se il tratto iniziale è più istituzionale, con alcuni importanti edifici storici, oltrepassato il Parco Massari si entra nella dimensione più rurale di Ferrara: il viale diviene alberato, i finestroni rinascimentali lasciano posto a casolari cinti da lunghe e basse mura di recinzione, cumuli di fitti mattoncini rossicci.

A due passi dall’aperta campagna immaginiamo la tredicenne Micòl Finzi-Contini come un’apparizione affacciata a spiare la strada e a prendere in giro il futuro amico, un incontro che segna la trama del romanzo e una pietra miliare nell’immaginario del protagonista. Il giardino dei Finzi-Contini, pur essendo un’opera centrale all’interno del cosiddetto romanzo di Ferrara di Bassani, è un testo meno “urbano” e con riferimenti scarni alla vita pubblica e comunitaria del ferrarese. “Isolamento” è una delle parole-chiave nell’interpretazione del romanzo, che trova il suo cuore narrativo dopo la promulgazione delle leggi razziali del 1938. Il protagonista e i giovani Finzi-Contini passano gran parte del loro tempo nell’omonimo parco privato, giocando a tennis, accrescendo i loro rapporti di emarginati, sebbene in un resistente privilegio.

Giorgio Bassani mette in evidenza diversi aspetti della vita in città: l’isolamento de Il giardino dei Finzi-Contini, il viavai del Corso della Giovecca e le differenze di classe nelle Cinque storie ferraresi.

Non è un caso che Bassani abbia scelto l’abitazione così distante e distinta dal quartiere ebraico. Pur essendo tutti i suoi personaggi principali ebrei, la faccenda dell’antisemitismo passa tra le righe della narrazione e Il giardino dei Finzi-Contini è in realtà un romanzo di formazione soltanto sfiorato da un epilogo tragico di cui siamo già a conoscenza. In quel recinto protetto e ovattato nasce un amore (non corrisposto, o forse no?) che non sboccerà mai.

“I luoghi dove si ha pianto, dove si ha sofferto, e dove si trovarono molte risorse interne per sperare e resistere, sono proprio quelli a cui ci si affeziona di più”.

Alcuni personaggi comprimari, che all’interno de Il giardino vengono appena citati, sono tra i protagonisti dei racconti compresi in Cinque storie ferraresi. Uno di questi è Elia Corcos, il medico dei Finzi-Contini che nulla poté per salvare la vita del loro primogenito Guido, morto a sei anni. Nel racconto La passeggiata prima di cena, il secondo della raccolta, Bassani narra la maldestra e sfortunata storia d’amore tra il giovane promettente medico Elia e l’umile infermiera Gemma Brondi.

Una relazione nata passeggiando per il Corso della Giovecca, la principale arteria cittadina, che si sviluppa ortogonale al Corso Ercole I D’Este, dal Castello fino alla Prospettiva, una grande arcata monumentale che segna l’estremo orientale della città.
La vecchia sede dell’Arcispedale Sant’Anna oramai trasferito ben fuori le mura, in località Cona si trovava all’inizio del Corso, nei pressi del Teatro Comunale, dove adesso c’è via Giovanni Boldini e dove dalla sua dismissione sono stati ricavati il Museo di Storia Naturale, il Conservatorio Frescobaldi e un ambulatorio nella caratteristica Piazzetta S.Anna.

romanzo di ferrara

Il Corso della Giovecca è talmente centrale da ricorrere in tutte le opere di Bassani. È un punto di riferimento pressoché inevitabile, che in una città dalle dimensioni raccolte facilita l’incontro tra classi sociali differenti. L’autore è abile a metterlo in evidenza sia nel caso del dottor Corcos, ma soprattutto in Lida Mantovani, la prima delle storie ferraresi, dove la protagonista conduce l’esistenza segnata e rassegnata di chi è diventata ragazza madre di un figlio non riconosciuto. Il padre sarebbe tal David, figlio scapestrato di una famiglia altolocata, che giocava a fare il ribelle frequentando una donna del popolo, una che abitava a via Salinguerra (appena cinque minuti a piedi dalla Giovecca, ma tanto basta), una con cui divertirsi ma senza farsi notare in pubblico, evitando le strade e i locali più centrali per finire magari al cinema Diana, da tempo chiuso, che si trovava lungo la latitudine meridionale, dove la stretta e pedonale via di San Romano confluisce nella Piazza del Travaglio, sede del mercato.

“Una delle forme più odiose di antisemitismo era appunto questa: lamentare che gli ebrei non fossero abbastanza come gli altri, e poi, viceversa, constatata la loro pressoché totale assimilazione all’ambiente circostante, lamentare che fossero tali e quali come gli altri, nemmeno un poco diversi dalla media comune”.

Avvolta in quel dedalo di strade, personaggi e intrecci, quieta, elegante e schiva nella sua passionalità, Ferrara è dunque il vero romanzo di Giorgio Bassani. Un ebreo nato e cresciuto all’interno di una comunità piuttosto forte e influente, che l’autore non ha trascurato di descrivere. Ne Gli occhiali d’oro, un romanzo breve sul tema dell’emarginazione omosessuale, assistiamo anche al principio della discriminazione antisemita in Italia; nella terza storia ferrarese, Una lapide in via Mazzini, Bassani si concentra sulla tensione sociale post-bellica, tra chi è sopravvissuto ai campi di concentramento e chi aveva il rinnegato il fascismo vista la mala parata. Il cuore di queste narrazioni è dunque l’ex-ghetto ebraico, ancora ben vivo, racchiuso in quel trapezio medievale a Sud della cattedrale, tra via Vignatagliata, via della Vittoria e la lunga discesa di via Giuseppe Mazzini. Il tempio è situato al civico 95, anonimo come nella tradizione, battenti in legno per un edificio civile. Sulle parenti adiacenti si trovano due lapidi a memoria dei deportati della seconda guerra mondiale. Deportati e mai più tornati, a differenza di Geo Josz, che nel racconto costrinse il marmista a modificare l’iscrizione. Lui a Ferrara era tornato, per poi fuggirne dopo pochi anni, e non riapparire più.