Commenti

Nuovi slum

Guerre, persecuzioni politiche e cambiamenti climatici spingono sempre più persone a cercare rifugio lontano da casa. È possibile immaginare un futuro nel quale le città saranno sempre più simili ad un enorme campo profughi?

 

Tra le raffigurazioni di prototipi urbani provenienti dal futuro, quelle di Ghost in the Shell mi hanno sempre colpito per la loro capacità evocativa: edifici, strade e passaggi sembrano quasi rilevati dal vero, disegnati direttamente sul luogo per poi essere animati in studio.

Le ambientazioni più interessanti sono senza dubbio quelle di Dejima, unisola artificiale attrezzata come campo profughi per 3 milioni di persone, attorno a cui ruota un intero arco narrativo. Gli eventi della serie precipitano a partire dallo scontro politico tra fazioni conservatrici che vorrebbero liberarsi dei profughi e fazioni progressistele quali invece sono in procinto di preparare un piano per naturalizzare gli abitanti di Dejima, le cui strade sono piene di vita, ovunque sciami umani sono impegnati in mille attività, mentre i vecchi edifici vengono rattoppati con il materiale a disposizione, trasformando lordinato insieme di grattacieli in una favela verticale non dissimile dalla spettacolare Kowloon Walled City.

I fatti narrati nel corso della serie avvengono nel 2031 ma la realtà contemporanea non è poi molto diversa: ad oggi, circa 60 milioni di esseri umani vivono allinterno di campi profughi, con laspettativa di risiedervi in media circa 17 anni, spesso senza possibilità di uscire dal recinto che dovrebbe definire i confini del campo, senza la possibilità di potersi trovare un lavoro, unaltra abitazione, iniziare una nuova vita. Condannati a sopravvivere, i residenti di questi campi spesso tentano di dare una parvenza di urbanità ai luoghi messi a disposizione. A volte viene eletto un portavoce, che fa le veci di leader, o di sindaco, in una specie di gioco di ruolo in cui tutti cercano di convincersi di vivere allinterno di una città. I tempi morti vengono riempiti con la creazione di disparate attività, commerci e baratti di merci ottenute chissà come, oppure cercando di rendere più confortevole larea che si va ad abitare.

Il campo di Dadaab, a Nord di Nairobi. Tony Karumba/Getty Images.

Il campo di Dadaab, a Nord di Nairobi. Tony Karumba/Getty Images.

Non esistono regole: spesso i campi profughi assumono il triste aspetto di un accampamento militare, altre volte di un campo nomadi (a conti fatti, un campo nomadi equivale ad un campo per rifugiati), altre volte ancora viene data in gestioneunarea di città ben delineata, come ad esempio nellarea di Yarmouk, a Damasco, abitata da cittadini di origine palestinese, tristemente nota per essere stata in aprile lennesimo bersaglio di incursioni dellISIS.

Altre volte, come di recente in Italia, viene richiesto lintervento di strutture ricettive per poter alloggiare rifugiati e profughi, creando ancora più confusione sullo statuto giuridico di questi individui. Proprio il caso italiano è esemplare di come il confinamento sia una delle conseguenze più immediate di questa totale incapacità di pianificare lallestimento di alloggi per i rifugiati: in modo asimmetrico, la popolazione locale preferisce lautosegregazione nella restante parte dellagglomerato urbano piuttosto che venir contaminato dallo straniero.

Oggi circa 60 milioni di esseri umani vivono all’interno di campi profughi, a cui tentano di dare una parvenza di urbanità.

Nel 2003 UN-Habitat diffuse uno studio dallemblematico titolo The Challenge of Slums: Global Report on Human Settlements, nel quale si prendeva atto che ormai un terzo della popolazione urbana mondiale, oltre un miliardo di persone, vive in quelli che chiameremo genericamente slums. Il periodo analizzato da UN-Habitat è racchiuso nei dieci anni che concludono il millennio, e fornisce dati che costituiscono una cartina tornasole sul periodo tra 1990 e 2001. Tendenze che, seguendo le proprie linee di evoluzione,  porteranno la demografia degli slum a una cifra superiore ai due miliardi di individui nel 2030, per lo più concentrati nel Sud del mondo.

Eppure, nonostante il catastrofismo dei numeri riportati in The Challenge of Slums, queste proiezioni hanno finito col sembrare addirittura ottimistiche. La cosiddetta Primavera Araba, le tensioni create dalla reazione militare in seguito all11 settembre, lo strapotere locale delle legioni affiliate a Daesh, hanno spostato sempre più verso Occidente il baricentro delle ondate migratorie, mentre il crollo finanziario che ha messo in ginocchio il mondo occidentale e lapplicazione di leggi sulla prevenzione dei crimini urbani hanno dato vita ad una nuova e più sottile forma di gentrificazione.

Non è più semplicemente la grande città la valle dove questo gorgoglio umano va a riversarsi, ma la città occidentale, al cui cuore è vietato lingresso a quella parte di umanità indesiderata. Questi nuovi arrivati vengono spinti dove risultano meno visibili, lasciando i centri sicuri e protetti dalla Crime Prevention Through Environmental Design. La dimensione securitaria che la città-carcere occidentale sta acquistando è lo specchio delle insicurezze che il crollo della modernità positivista ha portato con sé: dietro le scintillanti torri di vetro che capeggiano sul trono dellurbe, dietro le mura e i recinti che proteggono un’élite basata sul censo, dietro le saracinesche dei centri commerciali, pasteggia una parte della società che teme tanto limprevisto quanto la contaminazione.

Londra si è dimostrata allavanguardia in questa particolare forma di lotta al crimine, attivando un progetto ad ampia scala dedito a rintracciare ogni riparo non progettato, seduta improvvisata o angolo buio, per poter eliminare la possibilità che qualche reietto potesse usare questi frammenti di spazio per un’improvvisata sosta. Così, vetrine, davanzali e fioriere sono state decorate con borchie e spuntoni che attendono di poter mordere le membra di chi è in cerca di un riparo. È una guerra, ed il nemico si riconosce facilmente dalla divisa: nullaltro che un insieme di stracci, ultima difesa contro il freddo inglese.

La città occidentale sta acquistando sempre di più la fisionomia di un carcere.

La cosa fu molto sentita, tanto che in pochi giorni gruppi di cittadini, armati di secchi di cemento, hanno reagito con forza alla tracotanza di un capitalismo urbano il cui unico scopo è ormai lautoconsevazione. #Peoplenotpigeons: questo è il grido di battaglia consegnato agli utenti di Twitter e Facebook. Un grido che per un breve periodo ha raccolto la protesta di cittadini da tutto il mondo. Le autorità, ovviamente, hanno esteso la loro purga dal crimine urbano allo spazio virtuale, cercando di limitare la diffusione di tale virus, proprio come veniva limitato laccesso ad aree determinate della città. Ad oggi, non rimangono che rimasugli di quellhashtag. Eppure, quel neologismo raccolto in forma di link ha lasciato il segno: se è vero che cancellazione di post ed account hanno eliminato gran parte dei volantini virtuali, è altrettanto vero che molti di questi offensivi strumenti sono stati estirpati dalle loro sedi.

Alle varie spinte verso la periferia delle città occidentali, infatti, se ne aggiunge unultima, ossia il cambiamento climatico. Secondo un rapporto rilasciato da Legambiente, intitolato Profughi Ambientali: cambiamento climatico e migrazioni forzate, “i cambiamenti climatici diventeranno nel prossimo futuro la maggiore causa di spostamento delle popolazioni sia allinterno che allesterno dei confini nazionali”. Era il 2012, anno in cui furono calcolati flussi migratori per un totale di più di 32 milioni di individui costretti ad abbandonare le loro case a causa di calamità naturali. Tali numeri hanno fatto sì che i rifugiati climatici surclassassero, alla data di stesura del rapporto, gli allora 5 milioni di profughi fuggiti dalle loro terre per salvarsi da guerre, epidemie e persecuzioni politiche.

Oltre a guerre, epidemie e persecuzioni politiche si è aggiunta un’altra spinta verso la periferia delle città occidentali: il cambiamento climatico.

Ma è proprio qui che nasce un paradosso burocratico degno del più ispirato Terry Gilliam: non esiste alcuno statuto giuridico per il rifugiato climatico. Mentre chi fugge da una guerra o da una persecuzione può, di fatto, richiedere di essere ospitato in un campo profughi allestito per loccorrenza, nulla di tutto ciò è previsto né dalla Convenzione di Ginevra del 1951, né dal suo Protocollo supplementare del 1967.

Questa condizione cambia completamente la situazione dei rifugiati climatici, che non avendo altra prospettiva che il nulla giuridico, sono condannati a vivere in clandestinità pur di fuggire da una terra che si scrolla di dosso la presenza umana, ardendo o affogando. Sempre Legambiente riporta stime che vedono circa un miliardo di individui esposti a crisi climatiche entro il 2050, 250 milioni dei quali si trasformeranno in eco-profughi transnazionali, pronti a cercare di farsi strada in luoghi più ospitali.

Sarebbe sciocco pensare che lintera quota ipotizzata si sposterebbe in blocco verso Occidente, ma è comunque necessario riflettere attentamente sulla portata di tali numeri, soprattutto rapportandoci alla situazione attuale. Il Mediterraneo è un ottimo caso di studio per riuscire a comprendere, su scale ridottissime, quali saranno i problemi che dovranno risolvere i pianificatori alla data del 2050 ipotizzata da Legambiente. Se da questo laboratorio liquido estraessimo il solo vetrino rappresentato dal Sud Italia, vedremo una situazione in cui profughi di diversa natura tentano pericolose traversate su imbarcazioni al limite della precarietà, verso ununica meta, con in tasca la speranza di riuscire ad approdare verso uno scoglio con un apparato burocratico che ne riconosca lesistenza giuridica.

Il campo di Zaatari per rifugiati siriani, vicino ad Amman. Khalil Mazraawi/Getty Images.

Il campo di Zaatari per rifugiati siriani, vicino ad Amman. Khalil Mazraawi/Getty Images.

Il governo italiano, ha istituito nel 2006 delle particolari strutture chiamate “Centro di primo soccorso ed accoglienza” per far fronte al crescente numero di profughi che fuggivano dallinstabilità politica del Medio Oriente. In questo caso, la meta principale per un profugo partito dal Nord Africa è il centro di primo soccorso ed accoglienza di Lampedusa, progettato per una capienza di 381 individui, espandibile alloccorrenza a 804. Numeri lasciati sugli appunti del collaudatore, dato che lemergenza è continua, e che la capienza è stata spesso superata anche di cinque volte rispetto al massimo ipotizzato, generando spirali di proteste e assalti al centro in questione; come accadde nel 2011, quando unintera ala dovette arrendersi alle fiamme.

È evidente quanto lattuale politica, italiana ed europea, sia impotente e cieca di fronte a questo fenomeno: da un lato, la proposta italiana è avvitata attorno ai due estremi dellaccoglienza e del rifiuto, dallaltro, il bizantinismo europeo allontana il problema a data da destinarsi. Gli Stati Uniti hanno a loro tempo preferito laiuto in loco, ma tale soluzione è destinata a essere fallace sul lungo termine, dato che non si può attrezzare un campo profughi in contesti di emergenza climatica. Questa impossibilità è destinata a incentivare così una enorme massa di clandestinità, che finirà col depositarsi ai margini delle città. In questo modo questi interstizi già ora allargano, e in futuro allargheranno, sempre più i loro confini; da semplici linee perimetrali diventano e diventeranno dense aree di pattume abitativo, circondando quelle che un tempo erano chiamati centri, ma che ora sono aree protette in cui i bravi cittadini sono costretti a nascondersi, protetti da alte mura e da vigilantes armati e pagati dagli abitanti il cui principale problema da risolvere consiste proprio nel proteggere da azioni esterne la propria comunità.

È la stessa città a dover essere sacrificata allaltare della sicurezza: nelle metropoli del Nord, come quelle del Sud del mondo, vengono cancellati gli spazi pubblici e tracciati i nuovi confini che le sezionano secondo criteri razziali e di classe. La trasformazione è già in atto: a Padova, dove un muro alto tre metri e lungo ottanta divide una sezione di città; a Parigi, dove i senzatetto sono dissuasi a permanere nel centro della città tramite larredo urbano; a New York, dove il piano POPS rende gli spazi pubblici inaccessibili fuori dagli orari concessi.

La cinematografia come al solito ci aiuta a chiarire in modo radicale il problema. Neill Blomkamp, nel suo Elysium, ci mostra la paradossale esasperazione di una bidonville estesa allintero dominio terracqueo. La superficie terrestre ormai non è altro che unimmensa sacca di pus pronta ad esplodere proiettando il suo liquido sulla più estrema delle gated community: il satellite artificiale che dà il suo nome al film, una ciambella di metallo costruita per offrire il maggiore comfort possibile ai propri abitanti, il cui orizzonte è pianificato attentamente da un governo che non si fa troppi problemi a estirpare limprevisto anche nel più fatale dei modi. Ma lautosegregazione non è ovviamente una strada razionalmente percorribile, poiché Elysium, come anche le nostre città, ha da tempo rinunciato allautosufficienza alimentare ed energetica.

Architetti e pianificatori sembrano impreparati ad affrontare la crisi che uno stato di guerra perenne, il cambiamento climatico e crisi economiche stanno portando con sé, incapaci anche solo di riuscire a vedere londa che si sta per abbattere sullintero Occidente. Larchitettura e gli studi urbani dovranno a breve raccogliere queste sfide, o gli eventi le supereranno, se non vorranno rimanere, ancora una volta, relegati al ruolo di meri decoratori di Palazzo.